Ecco come risparmiare sulle bollette

risparmiare sulle bollette

risparmiare sulle bolletteRisparmiare sulle bollette si può

Risparmiare sulle bollette non è un finto titolo, non si scherza su di un argomento che colpisce tutti, privati ed aziende, gravando fortemente sui costi di gestione siano essi familiari o societari.

La buona notizia, però, questa volta, è rivolta alla aziende, ai professionisti, a coloro i quali di corrente elettrica e di gas ne consumano e non poco.

La cosa bella è che spesso del problema “caro bollette” se ne accorgono più che altro i privati, la casalinga di turno, lo studente in fitto, la famiglia.  La loro micro-economia si basa proprio su questi equilibri, che spesso, proprio con le bollette, vengono a mancare, causando spese non previste, dovendo quindi, ri-allocare i proprio risparmi su altri fronti.

Le aziende, si trovano in situazioni differenti, mi spiego meglio, avendo n problematiche ogni mese da dover sbrigare, vedi le mensilità ai proprio dipendenti, vedi le fatture ai fornitori, vedi la ricerca di nuovi clienti e l’assistenza da dare ai propri, insomma, con tutto il da fare, spesso si trovano bollette di acqua, luce e gas alte seguiti magari anche da conguagli non dovuti, e davanti a questa situazione, pagano senza indagare più di tanto.

Oggi, però, voglio proprio spiegare a queste aziende che esiste il problema “bolletta calda” e spesso da calda può diventare tiepida senza troppi problemi. Perché mai dover pagare di più quando si può risparmiare?

Come risparmiare sulle bollette diventerà un’azione mensile automatica grazie al software che la tecno accise ha sviluppato.

Prima di tutto, ribadisco che al momento, è solo rivolto ad aziende e alle utenze di luce e gas (speriamo che verrà sviluppato anche per privati e per utenze di acqua).

La cosa positiva è che possiamo fin dalla prima registrazione provare “gratuitamente” il software, ci lascia infatti testare una singola bolletta che sia luce o gas cosi da capire le potenzialità delle piattaforma.

Il software ci permette 2 scelte, per chi è più pratico di web e di moduli online, c’è il caricamento dei singoli campi richiesti, praticamente si legge la voce in bolletta di interesse e la si immette nel campo corrispondente, mentre, per chi è meno pratico, c’è il caricamento diretto della fattura in PDF.

Dopo il caricamento dei dati della bolletta, verrà, poi, la parte bella e interessante, vale a dire il report di dettaglio finale generato dal software. Da questo report avremo tutto sotto controllo e soprattutto riusciremo da subito a capire dove c’è un errore, grazie alla colorazione rossa della riga di interesse.  Al contrario, dove le voci sono corrette, la riga di riepilogo sarà evidenziata in verde.

Provare non costa nulla, è gratuito e se serve a capire che possiamo risparmiare sulle bollette perché non farlo?